Bio

“Tu sei il fanciullo eterno, che vede tutto con maraviglia, tutto come per la prima volta.”

(Giovanni Pascoli, Il fanciullino)

Giovanni Motta è nato a Verona nel 1971.
Dopo gli studi di ragioneria ha iniziato a lavorare nel mondo della comunicazione come creativo e pubblicitario collaborando, tra gli altri, con Emanuele Pirella a Milano. La sua indole d’artista si era già manifestata da bambino: a 9 anni vinse un concorso di disegno indetto dalla FAO. Parallelamente si interessa di arte figurativa e contemporanea con un particolare interesse per il mondo degli <<anime>> e i <<manga>> giapponesi. Inizia il suo percorso artistico dipingendo con tecnica iperrealista scene di vita estrapolate dai suoi viaggi nel mondo: Tokyo, Los Angeles, New York, Londra, sono tappe essenziali per la sua ricerca sul tema che diventerà il filo conduttore della sua opera: il bambino interiore. Questo lo porterà a esplorare la cultura servendosi anche di nuove tecnologie, come la modellazione e la stampa 3D. Ha iniziato a esporre nel 2000 con mostre personali e collettive in Italia e all’estero. Ha partecipato a premi di cui è stato finalista, come il Premio Arte Laguna (Venezia 2016), l’Aletti Award (2009) e il Premio Arte (Cairo Editore, 2004).

Insieme alla Galleria Forni ha partecipato a numerose fiere d’arte contemporanea, Art Verona, St-Art Strasbourg, Art Helsinki e Roma Contemporary. A Settembre 2020 ha esposto in Svizzera con la personale "Thanks" sul tema dei cartoni animati. Ha iniziato ad occuparsi di arte a tempo pieno dall’inizio del 2020 risultando così un artista emergente a 49 anni. Recentemente ha stretto contatti con gallerie d’arte e collezionisti di Colombia, Venezuela, Filippine, Egitto, Cina, Svizzera, Belgio.

Si avvicina alla Crypto Arte, nuova corrente artistica dove tutto è ancora da costruire e dove è possibile riscrivere la storia dell'arte, e a Novembre 2020 decide di pubblicare la sua prima opera crypto sul portale SuperRare.co: "Forgetting", Edition 1/1.
Dopo solo due mesi (Gennaio 2021) si posiziona n.1 al mondo nella classifica della più importante Galleria del mondo Crypto Arte: SuperRare.co.

Il 2021 si apre con la personale a Shanghai presso la Gallery Func ("GAME OVER Play again" dal 24 Aprile al 6 Giugno 2021).
Sono inoltre già in programma per quest'anno 2 mostre collettive Bogotà e Bamberga.
È uno degli artisti della scuderia della Bosa ceramiche, eccellenza italiana nel mondo.

"Mi interessa il recupero di stati emozionali perduti collegati a fatti accaduti. Il fatto accaduto può essere una breve esperienza di vita o una semplice azione anche insignificante come annusare un profumo, osservare un dettaglio, riconoscere un colore o gustare un sapore. Esploro gli stati d’animo e il racconto del momento che li accompagna. Le emozioni generate dal ricordo hanno un picco d’intensità, sono state vissute in un luogo e in un preciso attimo della vita. I luoghi hanno consegnato una forma agli stati emozionali e aiutano a completare l’idea del ricordo. La persona + il luogo + lo stato emozionale = il ricordo. Il ricordo diventa concreto come un oggetto. Ascolto, osservo, faccio mie esperienze anche di altri esseri umani. L’arco di vita a cui mi dedico è l’età del fanciullo, dai 7 ai 12 anni circa. Questa ricerca si traduce nella realizzazione di sculture che definisco mostri e nella realizzazione di quadri. I mostri sono l’immagine di questi stati emotivi, sono la chiave per il recupero. Un mostro è un prodigio, una cosa straordinaria come straordinario è il vivere un’emozione. Lo studio del ricordo e delle emozioni mi ha messo in contatto con il bambino interiore. Il fanciullo è il simbolo del ricordo per eccellenza. Realizzo sculture e dipinti. Utilizzo la stampa 3d, la modellazione della creta e di resine stratificate. Dipingo con colori acrilici su tela e cerco la perfezione nella stesura del colore. Completo le opere con dettagli in serigrafia."


“You are the eternal child, viewing everything in astonishment, as if for the first time.”
(Giovanni Pascoli, Il fanciullino)

Giovanni Motta was born in Verona in 1971.
After his accounting studies, he began working in the world of communication as a creative and advertising artist collaborating, among others, with Emanuele Pirella in Milan. His artist nature had already manifested itself by child: at 9 he won a drawing competition organized by the FAO. At the same time he is interested in figurative and contemporary art with a particular interest in the world of Japanese <<anime>> and <<manga>>. He began his artistic journey by painting scenes of life extrapolated from his travels around the world with hyperrealist technique: Tokyo, Los Angeles, New York, London, are essential stages for his research on the theme that will become the leitmotif of his work: the inner child . This will lead him to explore culture while also using new technologies, such as modeling and 3D printing. He began exhibiting in 2000 with solo and group exhibitions in Italy and abroad.

He has participated in prizes for which he was a finalist, such as the Arte Laguna Prize (Venice 2016), the Aletti Award (2009) and the Arte Prize (Cairo Editore, 2004).
Together with the Galleria Forni he has participated in numerous contemporary art fairs, Art Verona, St-Art Strasbourg, Art Helsinki and Roma Contemporary. In September 2020 he exhibited in Switzerland with the personal "Thanks" on the theme of cartoons. He started working full-time in art from the beginning of 2020, making him an emerging artist at 49. Recently he has made contacts with art galleries and collectors from Colombia, Venezuela, the Philippines, Egypt, China, Switzerland, Belgium.

He approaches Crypto Art, a new artistic movement where everything is still to be built and where it is possible to rewrite the history of art, and in November 2020 he decides to publish his first crypto work on the portal SuperRare.co: "Forgetting", Edition 1/1.
After only two months (January 2021) he is ranked #1 in the world by the most important Crypto Art Gallery: SuperRare.co.

The year 2021 opens with a solo exhibition in Shanghai at Gallery Func ("GAME OVER Play again" 24 April to 6 June 2021).
Two collective exhibitions, Bogota and Bamberg, are also planned this year.
He is one of the artists in the stable of Bosa ceramics, Italian excellence in the world.

"I'am interested in retrieving lost emotional states, which are linked to past events. A past event may be a brief life experience or a simple action, which may in itself be as insignificant as a certain smell entering you nose, seeing a small detail, recognising a colour or tasting a certain flavour. I explore states of mind and the story which accompanies them. The emotions generated by a certain memory have a high intensity and are experienced in one place and at a particular moment of one’s life. The place gives shape to the emotional state and helps create a complete idea of the memory. The person + the place + the emotional state = the memory. The memory becomes concrete, like an object. I listen, I observe, I also make experiences of other human beings my own. The period of life which I focus on is childhood, from around 7 to 12 years old. This research is crystallised through the creation of sculptures, which I define as monsters, and pictorial works. Monsters are the image of these emotive states, they are the key to their retrieval. A monster is a wonder, an extraordinary thing, as extraordinary as living an emotion. Studying memories and emotions has brought me in touch with the internal child. A child is the greatest symbol of memory. It exists inside of us, but its shape cannot be retrieved. I analyse the links between similar emotional states and try to convey the result in a particular form. I sculpt and paint. I use 3D printing, clay modelling and stratified resins. I paint with acrylics on canvas and look for perfection when applying colour. I complete my works with details, applied with serigraphy."


LOVE AGAIN sostiene Save the Children

Sign up for our mailing list

Privacy
I agree with the terms: Privacy policy